di Lampedusa e Linosa
Documenti
didUP- Docenti
didUP- Docenti
scuolanext-docenti
argo-genitori

Attività Progettuali Scuola Secondaria di II Grado

ALCUNI ALUNNI DEL NOSTRO LICEO INSIEME A OLTRE 500 STUDENTI PARTECIPANO AL RADON DAY 2023

Ogni anno il 7 novembre, in occasione dell’anniversario della nascita di Maria Skłodowska Curie, si tengono iniziative in tutta Europa per l’European Radon Day, una giornata dedicata alla radioattività.

In Italia, oltre 500 studenti e studentesse delle scuole superiori parteciperanno in questi giorni a eventi sulla radioattività organizzati dai progetti RadioLab e ISOradioLAb, con cui l’INFN Istituto Nazionale di Fisica Nucleare si pone l’obiettivo di sensibilizzare le generazioni più giovani sul tema della radioattività naturale e artificiale, attraverso incontri, esperienze sperimentali in laboratorio e sul territorio e iniziative pubbliche.

Dando il via all’edizione 2023-2024 dei progetti RadioLab e ISOradioLAb, gli eventi sono cominciati oggi nelle Sezioni INFN di Cagliari, Cosenza, Siena (Gruppo Collegato di Pisa), e Torino. Mentre domani sarà il turno di Lecce e, infine, Milano il 9 novembre e Napoli e le isole di Lampedusa e Pantelleria il 14 novembre. Le iniziative prevedono seminari sulla radioattività naturale e artificiale e sulle implicazioni, sia negative sia positive, e coinvolgono le classi partecipanti al progetto per raccontare la loro esperienza. Oltre a esperti e ricercatori e ricercatrici dell’INFN, infatti, sono proprio le studentesse e gli studenti a raccontare in prima persona i risultati ottenuti durante le esperienze sperimentali svolte con RadioLab e ISOradioLAb nel corso dell’anno scolastico 2022-2023.

Continua a leggere

Locandina radon

Civitavecchia – Lampedusa: racconto di un gemellaggio

Sara, Angela, Miriam, Marina e Civita, 4 alunne della 4 Economico-Turistico dell’Ist. “L. Pirandello” e cinque ragazzi di Civitavecchia – Elis, Lorenzo, Elisa, Giulia, Ilaria – si sono conosciuti sotto il cielo insolitamente grigio di Lampedusa e hanno fatto un’esperienza di amicizia, ospitalità, risate, progetti, riflessioni.

L’8-9-10 maggio la professoressa Carla Melchiorri del liceo “G. Galilei” di Civitavecchia ha accompagnato a Lampedusa i cinque alunni della sua scuola che sono stati ospiti presso le famiglie delle nostre quattro alunne. Questa esperienza è stata resa possibile da un protocollo d’intesa stipulato nel precedente anno scolastico tra le due scuole. E prevede un viaggio dei nostri studenti a Civitavecchia il prossimo anno. 

I ragazzi del Turistico hanno progettato un itinerario da proporre ai loro ospiti, fissato appuntamenti, concordato e prenotato pranzi e cene come veri tour operator. Hanno inoltre accompagnato gli ospiti in vari siti illustrandone la storia e le caratteristiche essenziali. I luoghi visitati sono stati il Santuario della Madonna di Porto Salvo, Porta Europa, il Cimitero di Cala Pisana, la biblioteca di via Roma, luoghi simbolo di bellezza e integrazione. Il cattivo e scarso tempo a disposizione non hanno permesso di visitare tanti altri preziosi beni della nostra isola che ci riserviamo di fare vedere in futuro.

Il gemellaggio è stato organizzato per approfondire il tema dei migranti, dei lunghi viaggi della speranza, di chi sopravvive e chi no, del complicato inserimento nella vita sociale del nuovo Paese di approdo.

Siamo convinti che questo tema non riguardi solo chi migra in cerca di nuove opportunità, ma riguarda anche noi, in particolare i nostri giovani, che vedono quotidianamente a pochi metri dalle loro case una delle più grandi emergenze dei nostri tempi e sono consapevoli delle notizie distorte che fanno il giro del mondo. I nostri giovani possono conoscere i vari fattori di questo complesso fenomeno e cominciare a raccontare quello che accade davvero intorno a loro. Per questo il momento focale della 3 giorni è stata un’assemblea tenuta presso la nostra Aula Magna la mattina del 9 maggio. Il rappresentante del nostro Liceo, Federico Natoli, ha organizzato l’intero evento – con la supervisione dei docenti responsabili – e ha coordinato le classi che hanno deciso di aderire spontaneamente all’evento preparando dei lavori a tema. 

A dare il via all’incontro di formazione sono stati i volontari di Mediterannean Hope, Giovanni ed Emma, e il collaboratore di Libera Espressione Live e Sky, Antonino Maggiore, che hanno fornito la loro esperienza in prima linea sul campo degli approdi. Si sono poi mostrati i lavori dei ragazzi: una esclusiva intervista ai responsabili dell’hot spot della classe 4AT; un video originale su Lampedusa della 1AT con interviste al Sindaco Mannino, al capitano della Guardia Costiera Gaetano Roseo, a Francesco Piobicchi, disegnatore e operatore sociale per MH. Antonino D’Aietti, rappresentante del Turistico, ha raccontato il viaggio a Bruxelles e la visita al Parlamento europeo con Salvatore Costa, rappresentante dell’Alberghiero.  Infine Antonio D’Agostino della 5BS ha parlato delle attività Eramus della nostra scuola per ricordarci quali opportunità può dare l’Europa ai giovani in cerca di un futuro diverso. 

I nostri ospiti speciali da Civitavecchia hanno mostrato i loro lavori con i quali hanno vinto il concorso che li ha portati dritti a Lampedusa: due tele, un libro, una poesia, una composizione musicale. Inoltre abbiamo ascoltato una canzone del prof. Mario Camiletti, del “Galileo” in visita a Lampedusa l’anno scorso dal titolo “Ti racconterò” ispirata alla sua esperienza lampedusana. La platea è rimasta tutta a bocca aperta di fronte a tanta bravura e profondità.

A sostenere il valore di questa iniziativa è stato anche l’onorevole Alessandro Battilocchio che è venuto a farci visita e ha avuto il piacere di conoscere i nostri studenti e la nostra scuola, lasciandoci con la promessa di andare in visita alle sedi del Parlamento con i protagonisti del gemellaggio.

Questo incontro tra due scuole e due realtà ha già portato i suoi frutti. Ma ci auguriamo che questo scambio sia prolifico nel tempo per gli alunni, i docenti e le comunità intere. Il confronto, l’approfondimento e l’autoconsapevolezza sono gli obiettivi principali del percorso formativo scolastico. Ci auguriamo di continuare a offrire questa strada ai nostri alunni e cittadini del mondo.

Ti racconterò

Avviso esterno la selezione di n. 1 figura professionale di “PROGETTISTA” da impiegare nel progetto 13.1.1A-FESRPON-SI-2021-227

Galleria Virtuale Ninì Meli realizzata dalla classe IVA dell’Istituto Tecnico Indirizzo Turismo

Questa galleria contiene 1 foto.

La mostra virtuale dedicata ad Antonio Meli  è stato un compito di realtà realizzato dalla classe IVA dell’Istituto Tecnico Indirizzo Turismo alla fine di un percorso didattico. Il progetto   ha avuto come finalità la conoscenza e la valorizzazione del patrimonio artistico e culturale dell’isola di Lampedusa. L’attività è stata incentrata sulla conoscenza della produzione artistica del pittore e sulla sua capacità di interpretare stati d’animo e ambienti con rare doti di sintesi e di espressione. Antonio Meli  definito dalla critica “ pittore della realtà assoluta” con vibranti spatolate è riuscito ad imprimere sulle tele, con palpitante verismo, tutti i colori della sua terra assolata. Lampedusa, l’ultimo lembo d’Europa, è stata la sua musa ispiratrice e il punto d’incontro di mondi e sensibilità diverse. 

 

 

Progetto Educazione alla Salute ”Cura di sé, degli altri e dell’ambiente”

Si è concluso con un incontro di restituzione, presso l’aula magna del liceo scientifico, il progetto educazione alla salute ”Cura di sé, degli altri e dell’ambiente”.

Un percorso formativo che ha coinvolto gli alunni della scuola primaria, secondaria di primo grado e le classi I e II della scuola
secondaria di secondo grado; un percorso che ha avuto come obiettivo quello di favorire l’acquisizione di sane abitudini alimentari e corretti stili di vita.

Diversi esperti si sono susseguiti negli incontri: dott. La Mantia, dott.ssa Parizzi, dott. Rizzo, dott. Fasullo, prof. Giovanetti, prof.ssa Consiglio, il comandante dei carabinieri dott. Frenna, il comandante Cesaro e l’ispettore Macaluso della polizia municipale diLampedusa, i quali hanno dato il loro valido contributo nella trattazione di una tematica di fondamentale importanza.

Gli alunni, guidati dai docenti della classi, hanno mostrato interesse e partecipazione per gli argomenti affrontati, realizzando prodotti finali degni di nota.

Ins. Ivana Gentile

 

Incontro con Don Ciotti e Staffetta con l’associazione Libera – Lampedusa 17 e 18 maggio 2019

Lampedusa 17 e 18 maggio 2019.

Con grande orgoglio, il nostro istituto accoglie Don Ciotti e partecipa alla staffetta organizzata dall’associazione Libera. Ecco alcuni significativi momenti…

 

Articoli correlati:

Libera corre a Lampedusa

“IN MEZZO AL MARE. Storie di giovani rifugiati” di Mary Beth Leatherdale – In collaborazione con la Biblioteca IBBY di Lampedusa

 

 

Un libro illustrato, vincitore di molti premi, che ha il valore di un documento storico e la potenza di un libro di testimonianza.

Tradotto da alcuni studenti della scuola secondaria di secondo grado.

Tutti i popoli sono stati migranti almeno una volta nella Storia. Spinti da guerre, persecuzioni, fame, molti sono stati i ragazzi e le ragazze che hanno preso la via del mare da soli o insieme ai loro cari, rischiando la vita per cercare rifugio. Questo libro ce lo ricorda, raccontando cinque storie vere. Quella di Ruth, in fuga dalla Germania nazista. Quella di Phu, via dal Vietnam in guerra. Quella di José, che si imbarca per non vivere più nella Cuba di Castro. Quella di Najeeba, che fugge dall’Afghanistan per salvarsi dai talebani. E infine quella di Mohamed, che dalla Costa d’Avorio in piena guerra civile affronta il viaggio per approdare in Italia, dove oggi vive e lavora.

 

Incontro con l’autrice…

Podcast dell’intervista di due studentesse della nostra scuola e Mohamed con Lucia Coppa di Radio Rai UNO

LE STORIE DI RADIO1. RACCONTI DELL’ITALIA DI OGGI E DI DOMANI

SITI CORRELATI

The Stormy seas in Lampedusa. Day by day summary of a school project

In mezzo al mare di Maria Sole Simoni | 2 Maggio 2019

 

 

 

XIV CONCORSO NAZIONALE “TRICOLORE VIVO” “Tutti hanno il diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione …” (Art. 21 della Costituzione)

Oggi, martedì 19 marzo, il nostro istituto ha vissuto due importanti eventi in occasione della XIV edizione del concorso nazionale “Tricolore Vivo”: alle 8,30, in Piazza Libertà, ha avuto luogo l’alzabandiera con i rappresentanti delle Forze dell’Ordine; dalle 10,30 alle 13,30, nell’aula magna, si è svolta la cerimonia di premiazione degli elaborati realizzati dai nostri studenti.

Il concorso nazionale “Tricolore Vivo”, rivolto alle scuole dell’infanzia e alle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado della Regione Siciliana e delle altre Regioni d’Italia, è stato indetto dall’Associazione Italiana Genitori della Regione Sicilia, dalla Città Metropolitana di Palermo, dall’Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia, dal CeSVoP Centro di Servizi per il Volontariato di Palermo; esso rientra tra le attività del progetto “EducataMente”, finanziato dal MIUR all’Associazione Italiana Genitori. Al concorso, finalizzato a sensibilizzare il mondo della scuola alla conoscenza della Carta Costituzionale, dell’Inno Nazionale ed al rispetto del nostro Tricolore, simbolo per eccellenza dell’unità nazionale, hanno partecipato anche altri istituti scolastici delle Regioni d’Italia.

Per partecipare al concorso, i nostri alunni, guidati dai loro insegnanti, sono stati invitati a riflettere sul significato dell’art. 21 della Costituzione Repubblicana in merito al concetto che: «Tutti hanno il diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione…». Gli allievi hanno espresso le proprie considerazioni su detto articolo che esalta la libertà di espressione del pensiero, attraverso componimenti scritti, audiovisivi, fotografici, informatici e grafico-pittorici.

Anche la cerimonia, svoltasi oggi nell’aula magna, è stata occasione di riflessione sulla stessa tematica grazie agli studenti della 2A della Scuola Sec. di I grado che hanno interpretato una favola di Fedro; agli alunni della  IV del Liceo Scientifico che hanno commentato la mancata libertà di stampa presente ancora in alcuni paesi del mondo; alla classe IIIB della Scuola Sec. di I grado che ha trattato il tema “Articolo 21 e Network”; a Elena, alunna della classe IIA del Liceo Scientifico, che è stata portavoce della riflessione dell’art.21 ideata dal docente di diritto Prof. Mamo Salvatore; alla giornalista, nonché docente del nostro Istituto, professoressa M. Rita Savitteri, che ha trattato l’articolo 21 della Costituzione italiana;  e agli interventi del Sindaco dott. S. Martello, del Dirigente Scolastico Prof. C. Argento, del Dottore Bartolo Pietro e del dott. Sebastiano Maggi, Presidente dell’associazione A.Ge. Sicilia.

L’evento, allietato dal coro e da una rappresentanza dell’orchestra scolastica diretti dal maestro Valentina Alabiso ed accompagnati dai docenti di strumento Alessandro Baronello, Salvatore Macaluso ed Angelo Spadafora, si è concluso con la premiazione dei lavori che in modo più originale hanno espresso il tema richiesto.Gli stessi lavori verrano spediti alla Commissione centrale istituita a Palermo perché vengano valutati anche in ordine alla premiazione finale.

Hanno ricevuto la targa le seguenti classi vincitrici:

Sez. 4 e 5 anni scuola dell’infanzia

5B scuola primaria

2A scuola secondaria di primo grado

1A liceo scientifico

Alunni partecipanti della scuola di Linosa.

Hanno ricevuto gli attestati di merito: l’alunno Anthony Caruana della scuola primaria, la 3D della scuola secondaria di primo grado e la 3 B del liceo scientifico.

Hanno partecipato alla cerimonia, oltre agli studenti coinvolti, ai loro docenti e ai loro genitori, una rappresentanza delle forze dell’ordine e la commissione giudicatrice dei lavori composta dal Sindaco di Lampedusa e Linosa, dott. Salvatore Martello, dal Dirigente scolastico, prof. Claudio Argento, dal Presidente dell’associazione A.Ge. Sicilia, dott. Sebastiano Maggio e da due genitori, Sig.ra Catia Martorana e Sig. Pietro Aiello e dalla Prof.ssa Pavia Giuseppina.

Alla fine dell’evento  è stato offerto un rinfresco dagli studenti dell’I.P.S.E.O.A..

Galleria Immagini

Video

Presentazione del progetto ASL “Dal Polo Nord a Lampedusa alla ricerca di raggi cosmici”

Venerdì 15 marzo, alle ore 17.30, presso l’Aula Magna dell’Istituto, ha avuto luogo l’evento organizzato dagli studenti del Liceo scientifico E. Majorana che hanno aderito al progetto ASL “Dal Polo Nord a Lampedusa alla ricerca di raggi cosmici” in collaborazione con il Centro Enrico Fermi di Roma.

L’evento ha avuto come tematica principale la fisica dei raggi cosmici e l’attività sperimentale svolta dai ragazzi grazie alla presenza nella nostra scuola del rilevatore POLA-01 che durante il mese di luglio 2018 ha raggiunto le isole Svalbard al Polo Nord, nell’ambito della spedizione POLAR QUEEEST, e da due settimane è ospitato all’interno del nostro istituto per la rilevazione dei raggi cosmici che è stata costantemente monitorata dagli studenti.

La nostra scuola ha potuto effettuare questa attività sperimentale grazie all’adesione al progetto nazionale “Extreme Energy Events la scienza nelle scuole”, ideato dal Prof. Zichichi, che rende gli studenti protagonisti in un esperimento scientifico di portata nazionale con rilevatori di raggi cosmici sparsi in tutta la penisola.

Sono intervenuti: il direttore del Centro Fermi Dott. Nania, i referenti del progetto Extreme Energy Events per la Sicilia Dott.ssa La Rocca e Prof. Riggi, il Sindaco Salvatore Martello, il Dirigente Scolastico Claudio Argento e gli studenti coinvolti nel progetto che hanno relazionato sull’attività svolta.

Al termine dell’evento gli studenti dell’I.P.S.E.O.A. hanno offerto un piccolo rinfresco.

Articoli correlati

Video correlati

 Descrizione del progetto della Prof. Paola Dragonetti

«Dal Polo Nord a Lampedusa alla ricerca dei raggi cosmici»: è il progetto di Alternanza Scuola-Lavoro a conclusione del quale si è tenuto un evento dedicato  nell’aula magna del Liceo scientifico «Ettore Majorana» di Lampedusa il 15 marzo 2019. L’iniziativa, organizzata in collaborazione con il Centro Enrico Fermi di Roma, nasce nel seno del progetto nazionale «Extreme Energy Events, la scienza nelle scuole», ideato dal professore Antonio Zichichi, a cui la scuola aderisce dal 2016-2017 e che rende gli studenti protagonisti in un esperimento scientifico di portata nazionale, con rivelatori di raggi cosmici sparsi in tutta la penisola.

L’appuntamento è stato arricchito dagli interventi del preside reggente Claudio Argento, del sindaco Salvatore Martello, del Dott. Rosario Nania, direttore del Centro Fermi, della dott.ssa Paola La Rocca e del Prof. Francesco Riggi, referenti del progetto Eee (Extreme Energy Evenets) per la Sicilia.

Inoltre, sono intervenuti con un videomessaggio anche degli ex studenti (Sara Tuccio, Giacomo Tuccio, Rosanna Spina, Diana Galazzo) che nel febbraio del 2017, sempre nell’ambito del progetto EEE, si sono recati al CERN di Ginevra per la costruzione del telescopio per la nostra scuola.

“Il Centro Fermi con il progetto strategico Extreme Energy Events fornisce un esempio unico al mondo di un esperimento sui raggi cosmici con una forte partecipazione degli studenti delle scuole superiori. Un modo efficace di portare la scienza nel cuore dei giovani con una esperienza hands-on nella ricerca e la possibilità di sentirsi parte di una collaborazione di più di 1000 persone tra ricercatori, studenti e docenti sparsi in tutt’Italia, da Torino a Lampedusa”  afferma la professoressa Luisa Cifarelli, Presidente del Centro Fermi, che si è collegata in videoconferenza durante l’evento. 

Gli studenti del liceo scientifico coinvolti nel progetto, guidati dalle docenti Dragonetti Paola e Mercanti Stefania, si sono relazionati in merito alla fisica dei raggi cosmici e all’attività sperimentale svolta grazie alla presenza nella scuola del rilevatore POLA-01 che, tornato dalla circumnavigazione delle Svalbard, è ora impegnato in una serie di misure di flusso di raggi cosmici in Italia.

Questo rivelatore di raggi cosmici, nel mese di luglio del 2018, ha raggiunto le isole

norvegesi al Polo Nord nell’ambito della spedizione Polar Queeest ed è stato ospitato presso la scuola di Lampedusa per la rilevazione dei raggi cosmici e lo studio della loro dipendenza dalla latitudine (passando dal parallelo 80° al 35°).

“L’evento di oggi ha dimostrato ancora una volta il forte impegno dei ragazzi nel progetto EEE, e il loro entusiasmo in un percorso che li vede protagonisti di misure scientifiche di alto livello. Siamo convinti che il loro coinvolgimento diretto ed il supporto di docenti motivati permetta una divulgazione scientifica efficace e capace di incidere nelle loro scelte future.” dice Rosario Nania coordinatore dei progetti strategici del Centro Fermi.

sito centro fermi  https://www.centrofermi.it/it/

sito progetto eee https://www.centrofermi.it/it/prog/progetti-interdisciplinari/eee

sito polarqueeest http://www.polarquest2018.org

 

Prof.ssa Paola Dragonetti

Galleria foto

 

Lampedusa, Island of Peace